Albo on line

Contatti

Comune di San Roberto
Piazza Roma 93
89050 San Roberto (RC)

protocollo.sanroberto@asmepec.it


Tel +39.0965.753336
Fax +39.0965.753812
Codice Fiscale 80003250802

Partita Iva 00711050807

Associazione Comuni Stretto

Servizio Civile Nazionale

 Servizio Civile

Accessibilità



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

Amministrazione Trasparente

Anticorruzione legge 190 2012

Posta elettronica certificata PEC + E-mail San RobertoBandi di Gara San Roberto

Bilanci San RobertoSuap San Roberto

Decerticazione e verifiche PA San Roberto

cambio residenza san roberto

Fatturazione Elettronica

Foto gallery e Video 1/2

    SAN ROBERTO

Associazione dei Comuni dell'Area dello Stretto

Associazione Comuni Stretto

Sede legale: Piazza Roma 93 Municipio, 89050 San Roberto

Codice Fiscale: 92074620805

 Conto corrente postale n. 1001538873  - IBAN: IT61F0760116300001001538873

Organi

Tra parentesi sono indicati gli attuali legali rappresentanti degli Enti


- Presidente dell'Associazione e del Consiglio Direttivo: San Roberto (Giuseppe Roberto Vizzari)

- Vicepresidente dell'Associazione e del Consiglio Direttivo: Motta San Giovanni (Paolo Laganà)

- Componenti del Consiglio Direttivo: Reggio Calabria (Giuseppe Falcomatà), Calanna (Domenico Romeo), Campo Calabro (Domenico Idone), Bagnara Calabra (Cesare Zappia)

 

 

Associazione News

Incontro del presidente Vizzari con l'assessore Regionale Piero Aiello per la problematica del bando "centri storici"

Il resoconto dell'incontro del 3 agosto...


L’assessore regionale all’Urbanistica Piero Aiello, accogliendo la richiesta formulata poco tempo fa in tal senso, ha incontrato il presidente dell’Associazione dei Comuni dell’Area dello Stretto, Roberto Vizzari (sindaco di San Roberto). Alla riunione, avente ad oggetto il confronto sulla delicata questione del finanziamento del bando regionale di riqualificazione dei centri storici, che si è svolta nella sede dell’assessorato all’Urbanistica, hanno preso parte anche il dirigente generale del Dipartimento Regionale Urbanistica Saverio Putortì, il sindaco di Fiumara Stefano Repaci, i segretari e i tecnici dei Comuni di San Roberto e Fiumara. Il Presidente dell’Associazione dei Comuni dello Stretto Vizzari ha fatto presente che il mancato trasferimento dei fondi da parte della Regione, a fronte di decreti di finanziamento e convenzioni  a suo sottoscritte dalla stessa Regione con i Comuni, sta mettendo in enorme difficoltà, finanziaria e contabile, i Comuni che hanno realizzato gran parte se non la totalità delle opere oggetto di finanziamento, i quali devono fronteggiare le legittime richieste di pagamento delle ditte esecutrici dei lavori, nella già di per se più che precaria situazione di crisi di liquidità. Difficoltà che, per come facilmente intuibile, si riverberano e trasmettono su tutto il sistema-regione, nel momento in cui centinaia di ditte, in un momento di difficoltà economica generale, si ritrovano a non poter nemmeno pagare i propri lavoratori.

L’assessore Aiello ha definito come “scabrosa la questione della riqualificazione dei centri storici ereditata dalla precedente Giunta regionale”, ricordando “che la sottoscrizione delle convenzioni con i Comuni per il finanziamento delle opere di riqualificazione dei centri storici ad opera della passata gestione è avvenuta del tutto contra legem dal momento che le risorse di cui al PAR-FAS 2007/2013, che avrebbero dovuto finanziare gran parte di quelle opere, non erano ancora nella disponibilità della Regione. Tanto è talmente vero che, successivamente alla sottoscrizione delle convenzioni con i Comuni selezionati, il PAR-FAS Calabria 2007/2013, approvato dalla Giunta regionale con la delibera n° 157 del 31.03.2009, non ha ottenuto il parere favorevole del Comitato CIPE, al cui vaglio era stato nelle more sottoposto secondo le modalità previste dalla delibera CIPE del 06.03.2009. Si è così determinata l’improvvisa, ma certamente non imprevedibile, scopertura di buona parte del pacchetto di operazioni selezionate ed oggetto delle convenzioni stipulate”. Come già evidenziato in passato – ha precisato Aiello – la sottoscrizione delle convenzioni è avvenuta per 122 milioni di euro, su 155, sulla base di una mera promessa propagandistica di copertura finanziaria, senza, però, nessun impegno di spesa e senza provvedimento di copertura, perciò solo illegittima, nell’attesa della presunta approvazione del PAR-FAS che, invece, non è mai avvenuta. Non solo, peregrine e difficilmente percorribili si sono rivelate pure le trovate alternative messe in campo dalla precedente Giunta per rimediare all’errore, con la distribuzione dei diversi progetti su diverse fonti finanziarie alternative: POIN Turismo, POR 2000/2006, delibere CIPE su rientri finanziari. Pertanto – ha rimarcato l’assessore Aiello – la risposta dell’assessorato all’Urbanistica e della Giunta Scopelliti alle avventate iniziative della Giunta Loiero è stata una sola: tutelare i Comuni attraverso due importanti provvedimenti. Da un lato la sottoscrizione dell’atto integrativo dell’APQ previsto dalla delibera CIPE n° 1/2009 con i rientri finanziari, e la concretizzazione della copertura di 16 milioni di euro con utilizzo delle ‘risorse liberate’ del POR 2000/2006 con la previsione dello sblocco, in tempi brevi, della prima anticipazione finanziaria ai Comuni interessati; dall’altro la sospensione, con nota del 10.6.2010, delle procedure nei Comuni che non avevano provveduto a cantierare le opere, al fine di salvaguardare i Comuni stessi a seguito del rischio di indisponibilità delle risorse residue di circa 25 milioni di euro. Certamente – ha aggiunto l’assessore – rimane il problema per quei Comuni che, affidandosi incolpevolmente alla convenzione sottoscritta priva di copertura finanziaria e, quindi, a rischio di discrezionalità di attivazione della procedura di riconoscimento del debito fuori bilancio, hanno già da tempo cantierato i progetti e proceduto ad approvare più stati di avanzamento dei lavori, senza aver incassato alcunché da parte della Regione, ma che devono, comunque, onorare gli impegni assunti in conseguenza dell’esecuzione delle opere nelle more regolarmente appaltate. Pertanto, allo scopo di scongiurare ulteriori danni ai Comuni, il presidente Scopelliti, ha attivato ogni opportuna e necessaria misura di sollecitazione al ministro Fitto per la celere sottoscrizione dell’ APQ integrativo con il Ministero dello Sviluppo Economico per la copertura dei progetti cantierati con 66 milioni di euro sui cosiddetti rientri finanziari dell’economia FAS. Per quanto riguarda, invece, le ‘procedure sospese’ si sta lavorando per la riprogrammazione dei progetti FAS. “Confermo – ha concluso l’assessore Aiello - comunque, il mio impegno e quello del Presidente Scopelliti, per porre in essere quanto necessario, e quanto possibile, per rimediare agli errori dei predecessori, scongiurando, così, il pericolo del dissesto finanziario dei Comuni ingiustamente ed incautamente coinvolti in illegittimi procedure”.

Di seguito sono visionabili gli articoli pubblicati sul Quodiano della Calabria (5.8.2011) e Gazzetta del Sud (8.8.2011).

Clicca qui per leggere l'articolo de Il Quotidiano

 

Clicca qui per l'articolo della Gazzetta

 

indietro
HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.245 secondi
Powered by Asmenet Calabria